Quanto vieni pagato per essere in un seggio elettorale?

Arriva il momento delle elezioni e, naturalmente, bisogna andare a votare. Ma può anche accadere che il sorteggio pubblico ti abbia nominato per ricoprire una posizione al seggio elettorale, sia come presidente che come membro e sebbene questo processo sia solitamente noioso e duri gran parte della giornata, dovresti sapere che almeno può lasciarti qualche euro di ricompensa.

Cosa viene addebitato quando sono membro di un seggio elettorale?

I presidenti e i membri dei seggi elettorali riceveranno una dieta di 65 euro, il cui importo è regolato dall’ordine ministeriale ed è il solito in Spagna. D’altra parte, nei Paesi Baschi, le persone che detengono queste stesse posizioni fanno pagare 85 euro per esercitare tale funzione durante il giorno delle elezioni.

I membri dell’ufficio di presidenza riceveranno il pagamento, anche se non completano l’intera giornata, cioè anche se un supplente è incorporato alla fine della giornata. Infatti, solo coloro che hanno lo status di titolari avranno diritto a questo pagamento. I supplenti potevano riceverlo solo se acquisivano lo status di titolari.

Inoltre, tale importo di 65 euro è esente da ritenute, come riportato dall’Agenzia delle Entrate e stabilito dal decreto ministeriale. Ed è lo stesso indipendentemente dal tipo di elezioni che sono: generali, regionali, comunali o europee.

È obbligatorio recarsi al seggio elettorale?

Se pensavate di essere assenti, purtroppo dobbiamo dirvi che i presidenti e i membri, così come i loro supplenti, devono essere presenti obbligatoriamente nelle scuole in cui sono stati assegnati. La mancata partecipazione, senza giusta causa, può comportare la reclusione o una multa.

Pochi sono esenti dall’andare, compresi quelli sopra i 65 anni, quelli con disabilità o disabilità, le donne incinte di sei mesi o più e quelle in congedo di maternità o allattamento. Allo stesso modo, se hai già dovuto far parte del seggio elettorale tre o più volte nell’ultimo decennio, hai la possibilità di non andare.

Tuttavia, sono contemplati anche altri casi come essere malati o aver programmato un’operazione o importanti esami medici il giorno del voto, dover prendersi cura di bambini e / o anziani o disabili, avere difficoltà a muoversi o essere impediti da motivi religiosi o essere protagonisti di una celebrazione importante.

Chi sono i creditori dei pagamenti dei seggi elettorali?

Il lavoro di controllo del seggio elettorale ha una compensazione finanziaria da parte del Ministero dell’Interno. Ogni presidente e membro riceverà 65 euro esentasse. Per tutta la mattinata di voto una persona del Ministero dell’Interno (di solito polizia nazionale) consegna una busta a ciascuno dei membri del tavolo con 65 euro.

Leave a Reply

Your email address will not be published.