Lavoratore autonomo economicamente dipendente: che cos’è e come funziona

Un lavoratore autonomo economicamente dipendente è una persona fisica che lavora in proprio per un’azienda o un cliente da cui riceve il pagamento di almeno il 75% del suo reddito. Qui ti diremo tutte le informazioni su un lavoratore autonomo che dipende economicamente da una persona fisica o giuridica.

Cos’è un libero professionista dipendente e un falso libero professionista?

Il lavoratore autonomo o TRADE, è colui che svolge un’attività economica o professionale a scopo di lucro, personalmente, abitualmente e direttamente per una persona fisica o giuridica, che è chiamata cliente, da cui il lavoratore dipende economicamente, poiché sono responsabili del pagamento di almeno il 75% del loro reddito da reddito da lavoro.

Altri requisiti che un lavoratore deve soddisfare per essere chiamato lavoratore autonomo sono:

  • Non avere lavoratori sotto contratto, né poter esternalizzare totalmente o parzialmente la loro attività,
  • Non devi eseguire i tuoi servizi con i clienti del tuo capo principale,
  • Avere le risorse necessarie per fare il proprio lavoro senza dipendere dal cliente.

D’altra parte, il falso lavoratore autonomo è colui che, pur sembrando un normale lavoratore autonomo, non lo è, poiché le sue attività sono svolte alle condizioni di un dipendente. Questo falso lavoratore autonomo lavora alle stesse condizioni e requisiti di un normale lavoratore autonomo, ma deve anche essere aggiunto agli obblighi che un dipendente deve adempiere.

In sintesi, si può dire che un falso lavoratore autonomo è colui che lavora illegalmente alle condizioni di un dipendente e di un TRADE, è un lavoratore autonomo che sviluppa un’attività legalmente, essendo il suo reddito ricevuto principalmente attraverso un singolo cliente.

Quanto paga un TRADE?

Il lavoratore autonomo economicamente dipendente noto come TRADE, deve pagare e dichiarare le proprie imposte (imposta sul reddito delle persone fisiche e IVA), nelle loro dichiarazioni trimestrali e annuali, come qualsiasi altro lavoratore autonomo. Il pagamento dipenderà dalla base contributiva che hai scelto.

Come funziona?

Il primo passo è comunicare con il tuo cliente e formalizzare un contratto scritto, ma prima che il cliente possa chiederti di dimostrare il tuo status di lavoratore autonomo economicamente dipendente, sia alla data di chiusura del contratto che in qualsiasi altro momento del rapporto contrattuale, a condizione che siano trascorsi almeno sei mesi dall’ultimo accreditamento.

Per effettuare questo accreditamento è necessario l’ultimo conto economico o un certificato di reddito emesso dal Tesoro.

Questo contratto deve essere registrato presso l’ufficio del corrispondente servizio pubblico per l’impiego statale, entro dieci giorni lavorativi dalla sua firma, è necessario informare il cliente entro 5 giorni lavorativi successivi.

Dopo 5 giorni lavorativi dalla firma del contratto senza che vi sia stata ancora una comunicazione della registrazione del contratto da parte del lavoratore autonomo dipendente, sarà il cliente a dover registrare il contratto presso il Servizio pubblico per l’impiego statale entro dieci giorni lavorativi.

Oltre alla copertura dell’inabilità al lavoro inclusa nel contratto, è necessario obbligatoriamente incorporare il contributo per infortuni sul lavoro e malattie professionali della Previdenza Sociale, che si deve contrarre obbligatoriamente con una Mutua.

Inoltre, devi avere le risorse necessarie per svolgere le attività richieste dal cliente e ricordare che non puoi avere alcun dipendente, né assumere o subappaltare a terzi.

Qual è la durata del contratto di un lavoratore autonomo economicamente dipendente?

La durata del contratto sarà concordata da entrambe le parti, che potranno fissare una data di risoluzione del contratto o fare riferimento alla fine del servizio. Non stabilendo una data, si intenderà che la data della sua formalizzazione del contratto è stata concordata a tempo indeterminato.

Altri aspetti importanti di un lavoratore autonomo economicamente dipendente

Tra alcuni aspetti importanti di un lavoratore autonomo ci sono i vantaggi che possono avere, come, ad esempio, un TRADE ha diritto a 18 giorni di ferie durante l’anno o può aggiungerne altri a seconda del contratto. Possono anche inserire il proprio programma di lavoro, i loro metodi e strumenti.

Un altro aspetto rilevante è che il TRADE può concordare con il proprio cliente o azienda, fatturare il lavoro svolto trimestralmente.

Un fatto importante è che il contratto protegge sia il cliente che il TRADE, poiché, se il cliente lo rompe senza alcuna giustificazione, deve pagare un risarcimento al lavoratore autonomo.

Leave a Reply

Your email address will not be published.