Come avviare un blog e fare soldi nel 2022: la tua guida passo-passo

Stai cercando di aprire un blog? È un’ottima decisione!

È più facile che mai creare un blog e non hai bisogno di alcuna conoscenza tecnica speciale per creare un blog che sia al 100% tuo.

Ma mentre il processo è diventato molto più semplice, può ancora sembrare un po ‘travolgente, giusto? È difficile sapere cosa devi fare, cosa evitare, dove lanciare il tuo blog, ecc.

Per aiutarti, abbiamo messo tutto insieme in questa guida dettagliata. Ti guideremo letteralmente attraverso tutto ciò che devi fare per passare da zero a un blog dal vivo e funzionante che ha un bell’aspetto e ha tutti i tipi di funzionalità utili.

Pronto a creare il tuo blog? Ecco come suddivideremo questo post:

  • Quattro domande frequenti comuni sulla creazione di un blog in modo da sapere cosa c’è in serbo per te.
  • Uno sguardo di alto livello a ciò di cui hai bisogno per creare un blog.
  • Una guida dettagliata e dettagliata in cui ti portiamo attraverso tutto, dalla scelta di un argomento del blog all’eliminazione dei dettagli tecnici e all’ottenimento di traffico sul tuo blog.

Iniziamo!

Quattro domande frequenti comuni su come avviare un blog

Contenuto [mostra]

Prima di entrare nel nostro tutorial dettagliato su come creare un blog, esaminiamo alcune domande comuni in modo da sapere cosa aspettarsi da questa guida.

1. Ho bisogno di conoscenze tecniche speciali per avviare un blog?

No! La cosa grandiosa del metodo che ti mostreremo è che non hai bisogno di alcuna conoscenza speciale da seguire. Sarai in grado di fare tutto da interfacce user-friendly. Se puoi fare clic su un pulsante, puoi seguire questa guida!

2. Quanto tempo ci vuole per creare un blog?

Puoi avere il tuo blog attivo e funzionante in 30 minuti o menoNaturalmente, probabilmente vorrai passare più tempo a modificarlo a tuo piacimento. Ma il processo di base della creazione di un blog in realtà non richiede molto tempo.

3. Quanto costa creare un blog?

Il metodo che ti mostriamo in questo tutorial non è gratuito, ma è piuttosto economico. Nel complesso, dovresti aspettarti di pagare circa $ 60 per l’intero primo annoQuindi è solo ~ $ 5 al mese, o circa il prezzo di una bevanda al caffè di fantasia.

Ci sono alcune altre cose su cui potresti voler spendere soldi, ma quelle sono totalmente opzionali.

4. Sarò proprietario del mio blog?

Sì! Il motivo per cui raccomandiamo il metodo in questo tutorial è perché possiedi al 100% il tuo blog e tutti i tuoi contenutiQuesto è diverso da qualcosa come Tumblr, in cui ti stai solo registrando per un account sul sito web di qualcun altro.

Possedendo il tuo blog, puoi costruire la tua proprietà e il tuo pubblico su cui hai il pieno controllo e puoi monetizzare in qualsiasi modo.

Di cosa hai bisogno per creare un blog

Ci sono solo tre cose di cui hai assolutamente bisogno per iniziare il tuo blog. Sono:

  1. Software di blogging– questo è il software che alimenta il tuo blog e lo fa in modo che tu non abbia bisogno di alcuna conoscenza tecnica speciale per eseguire il tuo blog.
  2. Web hosting – questo è ciò che alimenta il tuo software di blogging. Ogni singolo sito web ha bisogno di un host web. Fondamentalmente, stai affittando spazio su un computer (server) per eseguire il tuo software di blog in modo che le persone possano visitare il tuo sito.
  3. Nome di dominio: questo è l’indirizzo permanente del tuo blog su Internet. Ad esempio, il nostro è moneycheck.com.

Per creare le basi di base del tuo blog devi:

  1. Scegli un nome di dominio.
  2. Acquista web hosting e collegalo al tuo nome di dominio.
  3. Installa il tuo software di blogging sul tuo web hosting.

Sembra un po ‘complicato – ma non preoccuparti! Ti abbiamo promesso che non avevi bisogno di essere un tecnico e lo faremo.

Per fortuna, puoi trovare servizi che combinano questi tre passaggi in un’unica interfaccia user-friendly, che è ciò che useremo per questo tutorial.

Una volta che hai il tuo blog di lavoro di base, ti consigliamo di:

  1. Scegli un “tema” per controllare l’aspetto del tuo blog. Avrai migliaia di opzioni gratuite tra cui scegliere.
  2. Installa alcuni “plugin” per aggiungere funzionalità importanti al tuo blog, come le funzionalità per aiutarti a posizionarti nella ricerca di Google.
  3. Implementa strategie di generazione del traffico (se vuoi far crescere il tuo pubblico).
  4. Inizia a monetizzare il tuo blog (se vuoi fare soldi).

Non preoccuparti: ti mostreremo come fare tutto passo dopo passo.

Perché raccomandiamo WordPress self-hosted come il modo migliore per creare un blog

Sopra, abbiamo menzionato il termine “software di blogging”. Ma mentre hai molte opzioni, ti consigliamo davvero solo una soluzione quando si tratta di software di blogging:

WordPress self-hosted.

WordPress è di gran lunga il modo più popolare per creare qualsiasi tipo di sito Web, inclusi i blog. Oltre il 35% di tutti i siti Web su Internet utilizza WordPress. Sì, quel numero significa come suona, oltre un terzo di tutti i siti Web esistenti utilizza WordPress.

Inoltre, alcuni dei blog più popolari al mondo utilizzano WordPress, incluso lo stesso blog che stai leggendo in questo momento. Se controlli i tuoi blog preferiti, ci sono buone probabilità che usino anche WordPress.

WordPress è di gran lunga il software di blogging più popolare

Allora perché raccomandiamo WordPress e perché è così popolare? Ecco alcuni dei motivi principali:

  • È gratuito al 100%. Mentre ci sono alcuni costi associati all’esecuzione di un blog WordPress, il software WordPress stesso è gratuito al 100%.
  • È estensibileCi sono migliaia di “temi” e “plugin” di WordPress che puoi utilizzare per cambiare l’aspetto e le funzioni del tuo blog. La maggior parte di questi sono gratuiti e non richiedono conoscenze tecniche da utilizzare.
  • È facile da usare. Che si tratti del tuo primo blog o del tuo cinquantesimo, sarai in grado di lavorare con WordPress. Puoi fare tutto da un’interfaccia user-friendly.
  • È facile trovare aiutoPerché è così popolare, puoi trovare tonnellate di risorse e comunità per aiutarti a lavorare con WordPress. Incluso il tutorial che stai leggendo in questo momento!

Una nota importante qui, peròQuando diciamo “WordPress self-hosted”, ci riferiamo al software gratuito e open source che trovi su WordPress. orgQuesto è diverso da WordPress.com, in cui puoi semplicemente registrarti per un account per creare un blog.

Mentre la semplicità di WordPress.com è attraente, pensiamo che il metodo self-hosted che descriveremo in dettaglio in questo articolo sia migliore per la maggior parte dei blog perché ti dà molta più proprietà e flessibilità. Man mano che il tuo blog cresce, la proprietà e la flessibilità saranno importanti per il suo successo.

Come avviare un blog: passo dopo passo

Ok, basta pulizie! Scaviamo nella guida.

Se segui, dovresti essere in grado di pubblicare il tuo primo post sul blog in pochissimo tempo. In effetti, se hai già deciso un argomento del blog e un nome di dominio, puoi scrivere il tuo primo post in circa 20 minuti!

Ecco i passaggi che tratteremo:

  1. Scegli un argomento del blog (e convalidalo)
  2. Scegli un nome di dominio
  3. Acquista hosting + dominio e installa WordPress
  4. Scrivi il tuo primo post sul blog ????
  5. Scegli un tema
  6. Installa alcuni plugin
  7. Inizia a far crescere il tuo traffico
  8. Monetizza il tuo blog

1. Scegli un argomento del blog e convalidalo

Se stai solo bloggando per divertimento e non hai intenzione di fare soldi o costruire un pubblico, puoi bloggare su quello che vuoi.

Tuttavia, se hai intenzione di trasformarlo in un trambusto laterale (o forse anche in un concerto a tempo pieno da qualche parte lungo la linea!), Allora vuoi fare un po ‘di lavoro di gambe per assicurarti di scegliere un argomento che abbia un po ‘di spazio per crescere.

Trovare un buon argomento del blog significa scoprire l’intersezione di un argomento che ti appassiona con un argomento che ha un pubblico di persone interessate.

La prima parte è importante perché costruire un blog richiede tempo. Se non sei appassionato di ciò di cui stai bloggando, probabilmente ti annoierai e ti brucerai prima che il tuo blog abbia successo.

La seconda parte è importante perché, se vuoi far crescere il tuo blog e fare soldi, hai bisogno di un pubblico di persone interessate.

Quindi, se hai un’idea per un blog che ti appassiona, come puoi convalidarla e vedere se c’è un pubblico potenziale?

Ecco alcuni suggerimenti:

  • Controlla i blog esistenti: se trovi altre persone di successo che stanno bloggando sul tuo argomento, questo è un buon segno che sarai in grado di far crescere in modo simile il tuo blog.
  • Utilizza Google Trends: puoi inserire l’argomento del tuo blog in Google Trends per vedere come l’interesse sta cambiando nel tempo. Idealmente, vuoi scegliere un argomento che ha una tendenza al rialzo.
  • Esegui alcune ricerche per parole chiave: la ricerca per parole chiave ti consente di vedere quali argomenti le persone stanno cercando in Google. Se molte persone stanno cercando gli argomenti relativi all’argomento del tuo blog, questo è un ottimo segno. Puoi utilizzare Moz Keyword Explorer per eseguire ricerche di parole chiave gratuitamente.
  • Esplora i social media: sfoglia i social media intorno al tuo argomento e vedi quanto sono attive le comunità. Ad esempio, se vuoi blog sull’indipendenza finanziaria (FIRE), vedere l’enorme comunità FIRE su Reddit è un ottimo segno che hai un pubblico interessato.

2. Scegli il tuo nome di dominio

Il tuo nome di dominio è l’indirizzo permanente del tuo blog su Internet. Ad esempio, il nostro è moneycheck.com.

In genere, il nome del tuo blog dovrebbe essere lo stesso del suo nome di dominio. Come tale, svolge un ruolo importante nel branding del tuo sito web e vuoi farlo bene.

Per un blog, vuoi qualcosa che sia sia brandizzabile che attuale.

La parte brandizzabile è importante perché vuoi che il tuo blog si distingua e sia facile da ricordare. Ma la parte topica è anche importante perché vuoi che le persone sappiano immediatamente di cosa tratta il tuo blog dal dominio.

Pensiamo che moneycheck.com faccia un buon lavoro nel colpire entrambe le note. È brandizzabile e facile da ricordare, ma è anche immediatamente chiaro che il nostro blog si occupa di finanza e fare soldi.

Sfortunatamente, solo una persona può possedere un nome di dominio alla volta. Quindi, se ti viene in mente l’idea perfetta, è possibile che qualcun altro l’abbia già acquistata.

Per verificare se un nome di dominio è ancora disponibile e ottenere alcuni suggerimenti utili, è possibile utilizzare Instant Domain Search.

Non preoccuparti ancora di acquistarlo, però, perché lo eliminerai nel passaggio successivo.

3. Acquista hosting, nome di dominio e installa WordPress

Ora è il momento di passare dal teorico e entrare nel tecnico.

Cioè, è tempo di lanciare il tuo blog e renderlo accessibile alle persone di tutto il mondo.

Come accennato, hai bisogno di web hosting per alimentare il tuo blog. Quando qualcuno visita il tuo nome di dominio, il tuo web hosting eseguirà il software WordPress per servire i contenuti del tuo blog.

In questo passaggio verranno impostati tutti e tre gli elementi in grassetto. Non preoccuparti: è semplicissimo perché puoi fare tutto da un unico punto.

Il nostro host consigliato

Quando inizi con il tuo blog, ti consigliamo un servizio di hosting chiamato Bluehost perché:

  • Ha prezzi molto convenienti: pagherai solo ~ $ 60 per l’intero primo anno di hosting.
  • Ti dà un nome di dominio gratuito – questo di solito ti costerebbe $ 10-15 da solo, ma è incluso nel prezzo di $ 60.
  • Rende super facile installare WordPress: otterrai una semplice procedura guidata di installazione in cui puoi installare il software WordPress e avviare il tuo blog.

Ecco come iniziare con Bluehost e installare WordPress …

Iscriviti a Bluehost e acquista hosting

Innanzitutto, fai clic qui per visitare Bluehost. Quindi, scegli il tuo piano di hosting. Se vuoi solo creare un singolo blog, puoi scegliere il piano Basic economico – ha molte risorse per le tue esigenze (almeno fino a quando il tuo blog non diventa super popolare!):

Nella pagina successiva immettere il nome di dominio scelto nel passaggio precedente nella casella Crea un nuovo dominioRicorda: Bluehost ti offre un nome di dominio gratuito come parte del tuo piano. Quindi, fare clic su Avanti:

Nella parte superiore della pagina successiva, dovrai inserire alcune informazioni di base sull’account:

Di seguito, è possibile configurare le informazioni sul pacchetto e gli extra del pacchetto.

Nella sezione Informazioni sul pacchetto, puoi scegliere il tuo piano di accountFondamentalmente, questo si riferisce al numero di anni di servizio che si desidera acquistare. L’impegno minimo è di un anno, ma otterrai uno sconto sul prezzo mensile se acquisti termini più lunghi.

Ecco il prezzo mensile per durata del piano:

  • Un anno – $ 4.95 al mese.
  • Due anni – $ 3.95 al mese.
  • Tre anni – $ 2.95 al mese.

L’opzione iniziale più economica è scegliere un anno, che ti costerà circa $ 60 per l’intero anno:

Di seguito, Bluehost cercherà di venderti con alcuni extra del pacchetto – sentiti libero di ignorare tutti questi – non ne hai bisogno. Basta passare attraverso e deselezionare tutte le caselle:

Per completare le cose, inserisci le tue informazioni di pagamento e fai clic su Invia:

Esegui lo strumento di installazione di WordPress

Una volta effettuato l’accesso a Bluehost per la prima volta, Bluehost avvierà automaticamente una procedura guidata di installazione per aiutarti a installare WordPress. Ancora una volta, questo è uno dei vantaggi dell’utilizzo di Bluehost.

Se questo strumento non viene visualizzato, è sempre possibile accedervi in un secondo momento accedendo a Siti personali nel dashboard Bluehost e quindi facendo clic su Crea sito.

Nella prima pagina dell’installazione guidata, inserisci un nome e uno slogan per il tuo blog. Non stressarti troppo perché puoi sempre cambiarli in seguito.

Ti consigliamo inoltre di espandere le impostazioni avanzate e di inserire manualmente le credenziali per il tuo account WordPress. Nel passaggio successivo, li utilizzerai per accedere al tuo nuovo blog, quindi è importante ricordarli:

Nella pagina successiva, dovresti vedere il tuo dominio preselezionato nel menu a discesa. Quindi, puoi anche scegliere se installare o meno alcuni plugin gratuiti. Ti consigliamo di deselezionare tutte queste caselle per ora poiché tratteremo i plugin nella loro sezione dedicata in seguito:

E questo è tutto! Bluehost installerà e configurerà WordPress per te.

Una volta terminato il processo, dovresti vedere un messaggio di successo. Puoi fare clic su Accedi a WordPress per accedere alla dashboard del tuo blog, che è ciò che tratteremo nel passaggio successivo:

4. Familiarizza con la dashboard di WordPress (e scrivi il tuo primo post)

La dashboard di WordPress è fondamentalmente il pannello di controllo per il tuo blog. È qui che potrai:

  • Scrivi nuovi post sul blog.
  • Gestisci i commenti dei lettori.
  • Controlla l’aspetto del tuo blog.
  • Aggiungi nuove funzionalità al tuo blog.
  • … e molto altro ancora.

Fondamentalmente, passerai molto tempo qui.

Tratteremo alcune aree specifiche di questa dashboard nel passaggio successivo. Ma per ora, perché non facciamo qualcosa di divertente?

Vedi, ora hai ufficialmente un blog funzionante, quindi sei pronto per scrivere il tuo primo post sul blog ????

Per fare ciò, passa il mouse sopra l’opzione Post nella barra laterale della dashboard e fai clic su Aggiungi nuovo. Questo avvierà l’editor di WordPress, che è dove è possibile aggiungere contenuti:

L’editor di WordPress si basa su “blocchi”. Ogni blocco è un elemento specifico nel tuo post. Per esempio:

  • Un paragrafo di testo.
  • Un’immagine
  • Un lettore video.
  • Un pulsante.
  • And so on.

Per iniziare a scrivere il tuo post sul blog, puoi semplicemente fare clic e digitare – WordPress creerà automaticamente blocchi di testo per te mentre digiti:

Se vuoi aggiungere qualcosa di diverso dal testo, come un’immagine, puoi fare clic su una delle icone più:

Questo aprirà l’interfaccia dell’inseritore di blocchi, da cui è possibile inserire tutti i diversi tipi di contenuto.

Mentre passi il mouse su un blocco, WordPress genererà un’anteprima per te in modo che tu possa capire cosa fa il blocco:

Una volta aggiunto un blocco, è possibile configurarlo nell’interfaccia dell’editor. Ad esempio, se aggiungi un blocco di immagini, tutto ciò che devi fare è trascinare un’immagine dal desktop (o fare clic sul pulsante per caricarla manualmente):

Sentiti libero di esplorare tutti i blocchi e sperimentare.

Una volta terminato di scrivere il post del tuo blog, puoi fare clic sul pulsante blu Pubblica nell’angolo in alto a destra per renderlo attivo.

Felicitazioni! Probabilmente è passata meno di un’ora e hai già scritto il tuo primo post sul blog. È fantastico, giusto?

Ora, approfondiamo e rendiamo davvero il tuo blog tuo.

5. Scegli un tema WordPress per controllare il design del tuo blog

Il “tema” del tuo blog WordPress controlla l’aspetto del tuo sito.

Pensa al tuo tema WordPress come all’abbigliamento del tuo blog.

Se vuoi cambiare i tuoi vestiti, tutto ciò che fai è indossare un nuovo vestito. Non cambia chi sei sotto.

È lo stesso con il tuo blog: puoi facilmente passare a un nuovo tema senza perdere nessuno dei post e delle impostazioni del tuo blog esistenti.

Come trovare un tema WordPress

La cosa grandiosa di WordPress è che puoi scegliere tra migliaia di temi gratuiti, oltre a migliaia di altre opzioni premium. Inoltre, puoi trovare temi dedicati a specifiche “nicchie”. Ad esempio, se hai un blog di viaggi, puoi trovare un tema del blog di viaggio. Oppure, se hai un blog di moda, puoi trovare un tema per blog di moda.

Quando hai appena iniziato, un tema gratuito va benissimo, anche se puoi sentirti libero di acquistare un tema premium se ne trovi uno che ami assolutamente.

Per trovare il tema perfetto per il tuo blog, ti consigliamo due punti di partenza:

  • WordPress.org cartella dei temi – per temi gratuiti.
  • ThemeForest – per temi premium.

Ad esempio, qui a Money Check, usiamo il tema Contentberg, che è un tema premium disponibile su ThemeForest.

Come installare un tema WordPress

Una volta trovato il tema perfetto per il tuo sito, devi installarlo tramite la dashboard di WordPress.

Il modo in cui installi un tema WordPress dipende da dove lo hai trovato.

Se hai trovato un tema gratuito su WordPress.org, vai a Aspetto → Temi → WordPress.org Temi e cerca il tema per nome. Quindi, puoi fare clic sul pulsante Installa:

Dopo una breve attesa mentre WordPress installa il tema, puoi fare clic sul pulsante Attiva per renderlo live sul tuo blog.

D’altra parte, se hai scelto di acquistare un tema premium, dovrai caricare manualmente il tema. In genere, il luogo in cui hai acquistato il tema ti fornirà un file zip che contiene il tema.

Per caricarlo sul tuo blog, vai a Temi di aspetto → → Carica → Carica temaQuindi, è possibile selezionare il file zip e fare clic su Installa ora per caricarlo:

Come personalizzare il tuo tema WordPress

Una volta installato il tema, puoi personalizzarlo ulteriormente, come scegliere colori o caratteri diversi. Alcuni temi ti consentono anche di importare “contenuti demo” per rendere il tuo blog esattamente come la demo del tema.

Per personalizzare l’aspetto del tema, vai a Aspetto → Personalizza. Questo avvierà il WordPress Customizer, che ti consente di personalizzare tutto utilizzando un’anteprima visiva in tempo reale:

6. Installa i plugin di WordPress per funzionalità importanti

Mentre i temi WordPress ti consentono di controllare il design del tuo blog, i plugin di WordPress ti consentono di aggiungere nuove funzionalità al tuo blog.

Ci sono oltre 50.000 plugin WordPress gratuiti da soli, quindi se vuoi fare qualcosa, probabilmente puoi trovare un plugin per questo!

I plugin possono fare piccole cose, come aiutarti ad aggiungere un modulo di contatto, o grandi cose, come l’aggiunta di un negozio di e-commerce funzionante. In effetti, WooCommerce, il plugin di eCommerce di WordPress, è in realtà il modo più popolare per creare un negozio di eCommerce (ancora più popolare di Shopify!).

Quasi certamente vorrai installare alcuni plugin per aggiungere funzionalità specifiche per la tua nicchia. Ad esempio, se hai un blog di cibo, potresti voler utilizzare un plugin per ricette WordPress per aggiungere ricette user-friendly ai tuoi post.

Tuttavia, mentre copriremo quei plugin specifici di nicchia in un secondo, ci sono anche alcuni plugin indispensabili di cui tutti i blog hanno bisogno, indipendentemente da ciò di cui tratta il tuo blog.

I plugin indispensabili di cui tutti i blog hanno bisogno

Non importa cosa, dovresti installare i seguenti plugin sul tuo sito. Non preoccuparti, sono tutti gratuiti!

  • Yoast SEO – questo plugin aiuta con l’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO). Toccheremo la SEO nella prossima sezione, ma la SEO è fondamentalmente ciò che aiuta il tuo blog a posizionarsi in alto nei risultati di ricerca di Google.
  • UpdraftPlus – questo plugin ti aiuta a eseguire automaticamente il backup del tuo blog per proteggere i tuoi dati. I backup sono importanti: non ignorare questo.
  • WPForms – ogni blog ha bisogno di un modulo di contatto in modo che i visitatori possano mettersi in contatto. WPForms semplifica la creazione del proprio modulo di contatto utilizzando una semplice interfaccia drag-and-drop.
  • ShortPixel – se carichi immagini non ottimizzate, il tuo blog si caricherà lentamente, cosa che non vuoi. ShortPixel ottimizzerà automaticamente le tue immagini per te in modo che il tuo blog si carichi più velocemente.
  • Akismet – le persone amano i siti web di spamming. Akismet filtrerà automaticamente la maggior parte dello spam per te in modo da non doverlo affrontare.

Ci sono anche alcuni plugin che non sono indispensabili, ma la maggior parte dei blog può beneficiare di:

  • Social Snap: aggiungi pulsanti di condivisione sui social media al tuo blog.
  • Google Site Kit: aggiungi importanti servizi Google al tuo blog (come analytics) e visualizza i dati di tali servizi all’interno del tuo blog. Ottimo per vedere come il tuo blog cresce nel tempo e scoprire i tuoi contenuti più popolari.
  • Elementor: consente di progettare contenuti utilizzando un’interfaccia visiva drag-and-drop. Utile se ti senti limitato dal normale editor di blocchi di WordPress o vuoi creare pagine di destinazione.

Come trovare altri plugin

Se vuoi andare oltre la funzionalità indispensabile che abbiamo descritto sopra, puoi trovare decine di migliaia di plugin WordPress gratuiti e premium per praticamente tutto ciò che è immaginabile.

Quindi, dove puoi trovare questi plugin?

Innanzitutto, se vuoi trovare plugin WordPress gratuiti, il posto migliore è la directory dei plugin WordPress.org, che contiene oltre 50.000 plugin gratuiti.

Per i plugin premium, un buon punto di partenza è CodeCanyon. Tonnellate di sviluppatori vendono anche direttamente attraverso i tuoi siti, che puoi trovare cercando su Google.

Come installare un plugin per WordPress

Proprio come con i temi, il modo in cui installi un plugin WordPress dipende da dove l’hai trovato.

Se hai trovato un plugin gratuito su WordPress.org, puoi andare su Plugin → Aggiungi nuovo e cercarlo per nome. Quindi, fai clic su Installa ora e quindi su Attiva per rendere attivo il plug-in:

Per i plugin premium, puoi andare su Plugin → Aggiungi nuovo e fare clic sul pulsante Carica plugin in alto per caricare il file zip del plugin.

Come lavorare con i plugin installati

Una volta installato un plugin, normalmente aggiunge un nuovo menu alla dashboard di WordPress in cui è possibile configurare le impostazioni del plugin.

La posizione esatta di questo menu dipende dal plugin, quindi non c’è un punto “uno” in cui si trovano tutti i tuoi plugin.

Alcuni plugin, come Yoast SEO, aggiungono una nuova voce di menu di primo livello:

Altri plugin potrebbero includere le loro impostazioni come voci secondarie sotto un menu esistente.

7. Inizia a ottenere traffico sul tuo blog

A questo punto, il tuo blog è pronto per la prima serata: devi solo aggiungere visitatori!

Prima di tutto, per rendere il tuo blog accessibile ai visitatori, devi prima toglierlo dalla modalità “Coming Soon”. Bluehost attiva questo per impostazione predefinita per consentirti di sviluppare il tuo blog in privacy.

Per disattivarlo, fai clic sul pulsante Coming Soon Active nella parte superiore della dashboard di WordPress, quindi fai clic su Avvia il tuo sito:

Ora, le persone in qualsiasi parte del mondo possono accedere al tuo blog.

Quindi, come puoi ottenere nuovi bulbi oculari sul tuo blog? Esaminiamo alcune delle strategie più comuni.

Per ogni strategia, ti collegheremo a una guida dettagliata per aiutarti a iniziare:

  • Ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO): tattiche che ti aiutano ad aumentare le possibilità che i contenuti del tuo blog si classifichino in alto su Google e altri motori di ricerca. Per saperne di più, consulta la Guida per principianti di Moz alla SEO.
  • Guest posting: invece di pubblicare post sul tuo blog, puoi pubblicare un guest post sul blog di qualcun altro per attingere al loro pubblico. Per saperne di più, consulta la guida di Backlinko al guest blogging.
  • Social media marketing : strategie per aiutarti a essere condiviso su social network come Facebook, Twitter, Pinterest, ecc. Per saperne di più, consulta la guida dei blogger di QuickSprout al social media marketing.
  • Annunci a pagamento: gli annunci a pagamento sono un argomento delicato, soprattutto quando hai appena iniziato o hai un budget limitato. Ma molti blogger hanno trovato successo nella pubblicazione di annunci Facebook a pagamento. Per saperne di più, consulta la guida di GetResponse alle inserzioni di Facebook per i blogger.

Scrivere di tutti i modi per generare traffico sul tuo blog richiede un post enorme, quindi non possiamo entrare troppo nei dettagli. Ma se impari a conoscere le tattiche di cui sopra, inizierai alla grande!

8. Considera di monetizzare il tuo blog

Infine, una volta che inizi a ricevere traffico sul tuo blog, potresti voler iniziare a vedere se puoi fare un po ‘di soldi dal tuo blog.

Ecco alcuni dei modi più comuni per fare soldi con un blog:

  • Marketing di affiliazione: promuovi prodotti di altre persone e ricevi una commissione in cambio. Ad esempio, puoi promuovere prodotti da Amazon e guadagnare ~ 1-4% di qualsiasi cosa le persone finiscano per acquistare da Amazon. Scopri i migliori programmi di affiliazione per blogger.
  • Annunci display: visualizza automaticamente gli annunci sul tuo blog utilizzando qualcosa come Google AdSense o Media.net.
  • Post sponsorizzati: le persone ti pagheranno per sponsorizzare un post. Assicurati solo di rivelare pubblicamente quando un post è sponsorizzato!
  • Vendita diretta di annunci: invece di utilizzare un servizio pubblicitario automatico, puoi vendere direttamente gli annunci. Di solito puoi fare un po ‘più di soldi in questo modo, ma è più lavoro trovare inserzionisti.
  • Vendi i tuoi prodotti – una volta che hai un pubblico, puoi vendere eBook o persino creare il tuo corso online per andare avanti con il tuo blog. Molti blogger hanno trovato successo nell’offrire corsi o altri prodotti informativi.

Hai appena creato un blog – È fantastico!

E con questo, siamo arrivati alla fine del nostro tutorial su come avviare un blog.

Congratulazioni per aver lanciato con successo il tuo blog – siamo sicuri che sarà un successo strepitoso. Condividilo nei commenti in modo che tutti possano controllare ciò che hai appena costruito.

E se hai ancora domande persistenti su come creare un blog, lascia un commento e faremo del nostro meglio per aiutarti!

Suggerimenti per fare soldi con il tuo blog

Possedere un blog redditizio è un’esperienza esaltante. Puoi pubblicare i tuoi argomenti preferiti a un pubblico di lettori qualificati interessati a ciò che hai da dire su varie questioni.

Tuttavia, come costruisci e fai crescere un pubblico da zero?

Il blogging è una delle migliori forme di creazione di un pubblico mirato. In genere, ci sono due modelli che le persone usano per il loro blog.

  1. Il primo modello prevede la produzione di contenuti che aumentano il coinvolgimento degli utenti e ti aiutano a vendere prodotti sul tuo sito web.
  2. Il secondo modello consiste nel ricevere entrate pubblicitarie da altre aziende che si trovano nella tua nicchia.

Lavorare con la tua passione porta risultati

Parla con qualsiasi blogger di successo della chiave del loro successo e ti diranno che è stato lavorare con la loro passione nella vita. Se stai lottando per trovare un argomento per lanciare il tuo blog, allora vai con quello che sai.

Dovrai produrre contenuti nei prossimi anni per costruire i tuoi lettori. Se scegli un argomento o un argomento che ritieni interessante, creerai contenuti migliori.

Lavorando con la tua passione sul tuo blog, avrai un flusso infinito di contenuti provenienti dalla tua mente e non rimarrai mai a corto di idee. Devi capire la profondità di Internet e quanti utenti vanno online ogni giorno.

Se pensi che nessuno voglia sentirti parlare della tua collezione di troll dai capelli rosa, allora ripensaci. Ci sono persone online che cercano qualsiasi cosa tu possa immaginare. Puoi scommettere che c’è un esercito di collezionisti di troll là fuori che non sapevi esistesse.

Il punto è iniziare con qualcosa che ti piace fare, e poi creare un business da quell’idea. Lavorando con la tua passione, il blogging non sembrerà mai un lavoro.

Crea contenuti unici

“Su Internet, il contenuto è il re.” – Bill Gates. Queste sono le parole più accurate mai pronunciate quando si tratta di marketing online. Se stai cercando di attirare gli inserzionisti sul tuo blog, allora hai bisogno di contenuti eccezionali.

Pensa ai tuoi contenuti come alla spina dorsale del tuo sito. Se dovessi visitare un blog con contenuti deboli che non riescono ad attirare il tuo interesse, lo rivisiteresti? Porta questa mentalità nella tua creazione di contenuti.

Molti neofiti commettono l’errore di pubblicare un nuovo blog ogni giorno quando il sito è nuovo. Quando il tuo nuovo blog sta andando, la tua mente è piena di idee per i contenuti.

Di conseguenza, il blogger finisce per rilasciare un nuovo blog ogni giorno. Sfortunatamente, anche i blogger più incalliti alla fine esauriscono le nuove idee.

Pubblica una volta alla settimana, invece di pubblicare su un programma giornaliero quando inizi con il tuo blog. Per il primo anno del tuo blog, è probabile che non vedrai enormi quantità di traffico che visitano il tuo sito. Pertanto, salva i tuoi migliori contenuti per più avanti lungo la strada quando hai più traffico.

Dove trovare idee per i contenuti

Quando il tuo blog inizia a guadagnare trazione, devi aumentare la frequenza di pubblicazione. Questa strategia invita gli spettatori a tornare al tuo blog più volte durante la settimana, aumentando il volume di traffico settimanale.

Gli inserzionisti vogliono vedere il tuo pubblico crescere costantemente e che tu abbia un alto tasso di coinvolgimento con i tuoi contenuti.

Tuttavia, molti nuovi blogger esauriscono le idee a pochi mesi dall’inizio del progetto. Anche se sei il corridore più dedicato, prima o poi sarai ancora “a corto” di idee da pubblicare.

Questa situazione è dove il software entra in gioco. Programmi come “Buzzsumo” possono aiutarti a identificare nuove idee di argomento per il tuo blog.

Buzzsumo esegue la scansione dei canali dei social media alla ricerca di articoli popolari rilevanti per l’argomento del tuo blog. Leggendo i contenuti di altre persone, ottieni ispirazione per nuove idee. Puoi riscrivere gli articoli con il tuo tocco unico e presentarli come nuovo materiale al tuo pubblico.

Costruisci un pubblico

Ogni blog ha bisogno di un pubblico per avere inserzionisti interessati a spendere soldi. Senza un pubblico, il tuo blog non ha valore e sta solo occupando il cyberspazio. Devi attirare l’attenzione del tuo blog per aumentarne gli spettatori.

Rendi il tuo blog facile da condividere su tutti i canali multimediali e visibile al tuo pubblico principale. Conosci i dati demografici del tuo pubblico? Comprendere la distribuzione del reddito e il comportamento del tuo pubblico di destinazione ti aiuta a definire quali prodotti funzionerebbero bene con quali post del blog per massimizzare la conversione per gli inserzionisti.

È essenziale tenere traccia delle metriche e della quantità di traffico che fa clic sul sito dell’inserzionista. Se il tuo blog sta inviando al tuo inserzionista molti lead qualificati che convertono, puoi avvicinarli con un aumento delle tue tariffe pubblicitarie.

Perché le aziende fanno pubblicità sui blog?

Sono finiti i giorni in cui TV, radio e cartelloni pubblicitari dominavano il mondo del marketing. Mentre queste forme di media erano utili in passato, non sono più rilevanti nell’era digitale del marketing. Diamo un’occhiata a un esempio di come questi metodi non funzionano più sui consumatori.

Se eri vivo 15 anni fa e sei tornato da un viaggio all’aeroporto, è probabile che ti ricordi di aver fissato i cartelloni pubblicitari. Mentre il traffico procede a passo di lumaca, la tua mente vaga e gli inserzionisti approfittano di questa situazione.

Al giorno d’oggi, la prossima volta che rimani bloccato nel traffico, guarda gli altri conducenti e passeggeri intorno a te. È probabile che non stiano fissando i cartelloni pubblicitari. La maggior parte di loro, almeno il 90%, non guarderà la strada – stanno guardando i loro telefoni.

Questo esempio mostra chiaramente il passaggio dalla pubblicità esterna ai media digitali nell’ultimo decennio circa. I marketer vogliono massimizzare la loro portata e vogliono mettere il loro messaggio di fronte al maggior numero possibile di potenziali clienti qualificati.

La pubblicità sui blog è una forma di pubblicità digitale che sta guadagnando terreno. Gli inserzionisti trovano i siti nella loro nicchia con il traffico più alto. Quindi investono il loro budget di marketing in pubblicità su queste piattaforme.

Ad esempio, se possiedi un’azienda di attrezzatura da pesca e vuoi vendere più prodotti, hai alcune opzioni. Potresti fare pubblicità sui media all’aperto attraverso cartelloni pubblicitari e volantini, oppure potresti scaricare i tuoi dollari di marketing online.

L’utilizzo di metodi pubblicitari tradizionali, come i cartelloni pubblicitari, non ti porterà molto lontano. Immagina di pubblicare un cartellone pubblicitario e spendere migliaia di dollari per lo spazio pubblicitario. È probabile che il 90% delle persone che visualizzano il tuo annuncio non abbia mai preso una canna da pesca in vita loro. Questa situazione sta sprecando il tuo budget con prospettive non qualificate.

Trovando un blog di pesca con un vasto pubblico di lettori, si ottiene l’accesso a clienti qualificati. Sai che i lettori del blog sono interessati alla pesca e che hanno bisogno del tuo prodotto. Pagando il blog per fare pubblicità sul loro sito web, aumenterai le tue conversioni rispetto all’esempio del cartellone pubblicitario.

Costruisci il traffico e gli inserzionisti arriveranno

Alla fine, raggiungerai una fase in cui il tuo blog ha una quantità significativa di traffico che scorre attraverso di esso ogni giorno. Per alcune persone che sanno cosa stanno facendo o si imbattono in una nicchia di tendenza, possono sperimentare un successo durante la notte.

Il tuo successo nel blogging non è una garanzia, indipendentemente dalla piattaforma che usi o da quale nicchia pensi che sarà la prossima grande cosa online.

Il meglio che puoi fare è posizionarti per sfruttare ciò che gli altri hanno imparato lungo la strada e convertirlo nel tuo concetto unico. Replicare quelle persone che hanno successo e esaminare tutto ciò che fanno è una chiave per scoprire come applicare quelle stesse idee al tuo blog.

Alcune idee funzioneranno per te e altre falliranno. Testando e monitorando tutto ciò che fai con il tuo blog, aumenterai notevolmente le tue possibilità di renderlo un secondo flusso di reddito. Quando tutto scatta e ricevi la tua prima offerta, non sorprenderti se ne ricevi altre poco dopo.

Esci e ottieni le entrate

Quindi, è passato un po ‘di tempo. Ora hai un blog che gli inserzionisti sono interessati ad aggiungere al loro portafoglio. C’è solo un problema: nessuno sta abbattendo le porte per lavorare con te. Internet è un posto grande, e anche se il tuo blog sta andando bene, c’è la possibilità che tutti gli altri non stiano guardando.

Se disponi di metriche affidabili e puoi dimostrare che il tuo sito ha un buon volume di visitatori per tutto il mese, prova a contattare altri siti Web e aziende. Scegli aziende che rispetti e ritieni siano in linea con i valori del tuo blog. L’utilizzo di questa strategia ti consente di essere selettivo con i tuoi inserzionisti, invece di accettare qualsiasi affare che arriva.

A volte il modo migliore per ottenere un accordo pubblicitario è chiedere. Nulla ti impedisce di creare un elenco di contatti delle aziende che ti piacciono e quindi di inviare un prospetto al loro reparto marketing. Invia loro una dichiarazione esecutiva personalizzata su ciò che desideri dall’affare insieme alla tua carta tariffaria e ai termini.

Marketing di affiliazione

Il marketing di affiliazione utilizza il tuo blog per vendere un prodotto o un marchio, quindi essere compensato dall’azienda o dal creatore di tale prodotto o marchio. Il compenso di solito è una percentuale delle entrate che l’azienda ha guadagnato attraverso il tuo sito web.

Il marketing di affiliazione è uno dei modi più semplici per iniziare a fare soldi dal tuo blog quando è nuovo in quanto di solito non ci sono requisiti minimi per i livelli di traffico.

Ciò significa che puoi iniziare fin dall’inizio iscrivendoti ai programmi di affiliazione e lasciando cadere i link nei tuoi post, rivedendo prodotti e servizi o aggiungendo banner al tuo sito.

Entriamo molto più in dettaglio in questa guida: Quali sono i migliori programmi di affiliazione per blogger?

Crea link per aiutare il tuo blog a dominare la tua nicchia

Search Engine Optimization è una potente strategia di marketing online progettata per rendere visibile il tuo sito e aumentare il traffico. I marketer online di talento raggiungono altri siti Web e creano backlink al tuo sito Web.

Creando più link che puntano verso il tuo sito, ti fai sembrare un’autorità credibile nella tua nicchia.

Gli inserzionisti vogliono fare affari con siti di autorità e, costruendo il tuo blog con molti backlink a siti di autorità, diventi un leader nella tua nicchia. Alcuni siti Web fanno pagare per i backlink e altri lo fanno gratuitamente.

Tuttavia, se vuoi un link permanente su un grande sito, potrebbe costarti centinaia o migliaia di dollari all’anno.

Vendi prodotti sul tuo blog per guadagnare entrate extra

Quando il traffico inizia a visitare il tuo blog in un volume decente, il suo tempo approfitta della vendita di affiliazione. La vendita di affiliazione comporta la creazione di collegamenti a prodotti e servizi online.

Un esempio semplificato di questo è la rivendita con Amazon. Se possiedi un blog di lifestyle, potresti scrivere un post sui tuoi nuovi occhiali da sole. Parla di come sono stati i migliori che tu abbia mai usato mentre abbronzavi a bordo piscina in vacanza.

Lascia un link a un fornitore Amazon incorporato in una parola chiave nel tuo post. Quando il tuo pubblico legge il tuo blog, una percentuale di loro farà clic sul link e acquisterà gli occhiali da sole dal venditore Amazon.

Ottieni una commissione dalla vendita e tutti ottengono un accordo pulito che aggiunge valore alle loro vite e ai loro affari.

Marketing del tuo blog sui social media

Facebook, Instagram e Twitter sono il modo in cui il mondo si sta muovendo con le comunicazioni. Ognuna di queste piattaforme offre agli utenti un modo unico per condividere le loro esperienze di vita con amici e familiari.

Il contenuto condiviso su Facebook spazia con argomenti su qualsiasi cosa tu possa immaginare. Apri un feed Reddit e avrai thread su qualsiasi argomento tu possa immaginare. Instagram ha trilioni di foto di qualsiasi cosa, dalle persone, agli animali domestici, ai prodotti.

Facebook ti offre un’ottima strada per presentare il tuo blog a più lettori. Apri una pagina aziendale di Facebook e popolala con contenuti di alta qualità. Usa Gestione inserzioni di Facebook per indirizzare le persone nella tua nicchia che sono interessate a leggere i blog e spendere qualche dollaro per un budget pubblicitario.

Facebook spinge automaticamente i tuoi contenuti di fronte a persone interessate alla tua nicchia e incontrano i tuoi clienti o lettori demografici. Puoi utilizzare gli strumenti di Ad Manager per monitorare la provenienza delle nuove visualizzazioni e perfezionare il targeting per la tua prossima campagna pubblicitaria.

Conclusione – Ridimensiona i tuoi sforzi

La parte migliore del blogging è che crei un modello scalabile. Una volta che sai cosa funziona, puoi replicare il tuo blog in qualsiasi settore e sperimentare gli stessi risultati. Questa regola semplifica la creazione di più blog che coprono una vasta gamma di nicchie che ti interessano.

Se persisti con la tua passione, alla fine raccoglierai i frutti di un blog redditizio che ti produce entrate consistenti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *